Charles Baudelaire – L’albatro

Posted in Uncategorized on febbraio 20, 2019 by Adry

Letture/Lecturas

Charles Baudelaire
I fiori del male

1857 – 1861
Traduzione di Marcello Comitini
Edizioni Caffè Tergeste

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Richard Wagner – Tannhäuser
Lied an den Abendstern
London Symphony Orchestra

*****************************************

EDIZIONE 1861
Poesie aggiunte alla seconda edizione
SPLEEN E IDEALE
II
L’ALBATRO

Spesso per
divertirsi, gli uomini d’equipaggio

catturano degli
albatri, grandi uccelli dei mari

che seguono indolenti
compagni di viaggio,

lo scorrere della
nave sugli abissi terribili.

Non appena deposti
dai marinai sulle plance,

questi prìncipi
dell’aria, maldestri e vergognosi

lasciano cadere le
grandi ali bianche

come remi trascinati
pietosamente ai fianchi.

Com’è goffo e molle
il viaggiatore alato,

Lui, così elegante,
com’è comico e brutto!

Uno con la pipa gli
stuzzica il becco

l’altro mima
zoppicando l’infelice che volava!

Al principe delle
nuvole è simile il Poeta

che vive nella
tempesta e non si cura dell’arciere;

esiliato sulla terra
in mezzo agli improperi,

le sue…

View original post 21 altre parole

Annunci

Posted in le mie letture on febbraio 19, 2019 by Adry

 

Fu là nei giardini dei salici che la mia amata ed io ci incontrammo;
Ella passava là per i giardini con i suoi piccoli piedi di neve.
M’invitò a prendere amore così come veniva, come le foglie
crescono sull’albero;
Ma io, giovane e sciocco, non volli ubbidire al suo invito.
Fu in un campo sui bordi del fiume che la mia amata ed io ci arrestammo,
E lei posò la sua mano di neve sulla mia spalla inclinata.
M’invitò a prendere la vita così come veniva, come l’erba
cresce sugli argini;
Ma io ero giovane e sciocco, e ora son pieno di lacrime.         
 

William Butler Yeats

Posted in i miei poeti preferiti on febbraio 16, 2019 by Adry
– Wisława Szymborska

Posted in poesie... on febbraio 10, 2019 by Adry

Una lanterna giapponese accende
d’un vermiglio riverbero i ricami
del grande arazzo, ove un guerrier discende,
tutto d’oro, d’un loto alto fra i rami.

Qui sono i versi suoi dentro uno scrigno
niellato da un mastro fiorentino,
e in una coppa a cui si avvolge un cigno
ho un suo mazzo di rose a me vicino.

Ma le strofe che han musica d’amore
quale non l’udì mai regina in soglio,
le rose che de’ suoi baci hanno odore,
non mi bastano più: lui solo voglio…

EVELINA CATTERMOLE MANCINI (1849-1896)
scrisse una raccolta di poesie con lo pseudonimo di CONTESSA LARA 

Posted in pensieri.. on febbraio 9, 2019 by Adry

Buon WeeKend!

Aveva sentito dire spesso che con gli anni arriva la saggezza, e aveva aspettato, fiducioso, che questa saggezza gli desse quello che più desiderava: la capacità di guidare la direzione dei ricordi per non cadere nelle trappole che questi spesso gli tendevano.“

— Luis Sepúlveda

Posted in i miei poeti preferiti on febbraio 5, 2019 by Adry

Idolo di tenue came, mi travagli.
Tramonta luce, l’ombra s’allunga
alle penose vigne, tuo caldo d’amore
s’accende sotto i capelli; e, intorno,
entro chiuso orizzonte, ha dolci echi
nei suoni delle cose: uccelli, fonti,
e case e siepi e grida di fanciulli amorosi.

Ti tiene il prato, s’incendia con la terra
il tuo viso, il tuo ansito è il vento, e, serena,
la fatica degli uomini.

Ed io sono precluso, intanto, dal celeste
giro di queste cose. Sento e non vivo.
Sopra dite dolce s’annida l’ombra
della sera… Ma mi ritrovo, poi, e forza
è nel mio viso

Pierpaolo Pasolini: Immagine amorosa

I Sommersi e i salvati di Primo Levi. Lettura di Luigi Maria Corsanico 26 gennaio 2019 / marcello comitini Luigi Maria Corsanico legge per noi e per tutti “I Sommersi e i salvati”. Quindici minuti di doverosa riflessione nel giorno della memoria.

Posted in i miei poeti preferiti on febbraio 5, 2019 by Adry

via I Sommersi e i salvati di Primo Levi. Lettura di Luigi Maria Corsanico